C.A.P. SALENTO – Comunità degli agricoltori e pescatori del Salento

Il Progetto C.A.P. SALENTO – Comunità degli agricoltori e pescatori del Salento è un’iniziativa sostenuta dalla Fondazione con il Sud nell’ambito del

Bando Ambiente 2015.

Il progetto nasce con l’intento di creare una sinergia tra l’Associazione Slow Food Alto Salento (soggetto responsabile del progetto), la Fondazione Slow Food per la Biodiversità, le aree marine protette di Torre Guaceto e Porto Cesareo ed i Parchi Naturali regionali Litorale di Ugento e Litorale Tarantino

Orientale coniugando la protezione dell’ambiente con la riscoperta e la valorizzazione di pratiche agricole e di pesca sostenibili che tutelano i piccoliproduttori ed i prodotti a rischio di estinzione. Per raggiungere tali finalità il progetto si articola in numerose macro attività. In primis, propone la realizzazione di tre presidi della pesca sostenibile coinvolgendo i pescatori delle aree marine protette coinvolte e dell’oasi blu di Ugento e la realizzazione di un presidio del pomodorino di Manduria nelle Riserve del Litorale Tarantino. Obiettivo dei presidi è quello di salvare specie ittiche e cultivar agricole a rischio di estinzione attraverso la realizzazione di disciplinari di produzione/raccolta condivisi, valorizzando i territori di origine, preservando tecniche tradizionali e promuovendo pratiche sostenibili. I prodotti dei presidi e della comunità degli agricoltori e pescatori delle aree protette coinvolte nel progetto saranno raccolti catalogati e descritti nel paniere dei prodotti dei Parchi del Salento.

A questa attività seguirà la realizzazione dell’Alleanza con i cuochi dei parchi del Salento, grazie alla quale gli chef dei territori coinvolti si impegneranno ad inserire i prodotti dei Presidi nei menù. Il progetto prevede laboratori di educazione alimentare e ambientale nelle scuole con lo scopo di trasferire alle giovani generazioni i saperi legati alla cultura del cibo e alla salvaguardia dell’ambiente. A conclusione delle attività, saranno realizzati i Mercati itineranti della Terra e del Mare nelle aree protette; i mercati saranno il punto di incontro tra produttori, cuochi dell’alleanza e popolazione, per la massima conoscenza e condivisione delle tematiche e dei risultati di progetto.